SEI IN > VIVERE RICCIONE > ATTUALITA'
comunicato stampa

Petto d’anatra laccato e affumicato, cappellacci integrali al farro e cappello del prete: domenica si mangia come la mummia Ötzi

2' di lettura
218

Domenica 4 febbraio alle ore 17,30 al Palazzo del turismo ultimo appuntamento con la rassegna "Archeologia del gusto.

La storia è servita” a cura del Museo del Territorio “Luigi Ghirotti” di Riccione. Dopo lo straordinario viaggio alla scoperta del rapporto fra vasellame da mensa e i cibi serviti sulle tavole islamiche nel periodo compreso fra VIII e XIII secolo, l’ultimo incontro sarà dedicato alle abitudini alimentari nell’età del Rame in area alpina.

A introdurre il pubblico alle conoscenze sul periodo preistorico in esame ci sarà il professor Andrea Putzer del Museo Archeologico dell'Alto Adige di Bolzano che presenterà "Tutto fumo e niente arrosto. L'alimentazione ai tempi di Ötzi". L’intervento prenderà in esame l'alimentazione dell'arco alpino all’epoca della famosa mummia. Molte delle informazioni sul periodo storico e l'area geografica sono desunte infatti dagli studi condotti sulla mummia del Similaun conservata al museo di Bolzano e considerata una della grandi scoperte dell'archeologia mondiale. Andreas Putzer è curatore della mostra Past Food, attualmente in esposizione a Bolzano, che indaga sui menù dei nostri antenati per analizzare l’origine, la preparazione e la conservazione dei cibi nel lontanissimo passato. Il professor Putzer si intratterrà a Riccione fino a lunedì 5 febbraio per incontrare sei classi di seconda dell’Istituto alberghiero S. Savioli insieme agli studenti del liceo scientifico per una lezione speciale a loro dedicata all'eccezionale ritrovamento della mummia Ötzi.

Al termine della conferenza di domenica 4 febbraio il pubblico potrà raggiungere l'Istituto alberghiero S. Savioli dove i professori e gli alunni della scuola proporranno una degustazione di quattro portate dedicati all’alimentazione ai tempi di Ötzi: petto d’anatra laccato, affumicato e riduzione al balsamico su insalatina invernale e mirtilli, cappellacci integrali al farro con erbette di campo, spuma al caprino e semi di papavero, cappello del prete di “Urus antico” cotto a bassa temperatura su croccante di lenticchie e sedano, tronchetti di mela selvatica e nocciole con salsa ai lamponi e cialda di zucchero su spuma di fragole di bosco.

Anche per quest’ultimo appuntamento è possibile prenotare la degustazione che si svolgerà all’Istituto alberghiero (viale Piacenza, 25) a Riccione. Per partecipare alla degustazione al costo di 28 euro è richiesta la prenotazione al Museo del territorio (viale Lazio, 10 - telefono 0541600113). La prenotazione è obbligatoria con posto assegnato al tavolo. La conferenza al Palazzo del Turismo è a ingresso libero.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-02-2024 alle 09:44 sul giornale del 03 febbraio 2024 - 218 letture






qrcode