Chiuso per 10 giorni un locale della “movida riccionese”

1' di lettura 31/07/2022 - Nell’ambito di mirati servizi disposti dal Questore di Rimini, finalizzati alla tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica nonché al rispetto delle norme inerenti i pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, la Squadra Amministrativa della Polizia di Stato ha provveduto a notificare la chiusura in orario serale per la durata di 10 giorni, ad un noto locale della “movida riccionese” in zona Marano.

Più volte attenzionato dalle locali Forze dell’Ordine a seguito di richieste d’intervento susseguenti a episodi delittuosi, tutti avvenuti nelle immediate sue adiacenze e riconducibili all’alta frequentazione di tale locale che rendono primaria l’esigenza di assicurare le condizioni di salute e di sicurezza pubblica, anche alla luce dell’assenza di permessi specifici per l’esercizio dell’attività di locale da ballo, divenuta prevalente e pubblicizzata costantemente sui canali “social” dell’esercizio in questione.

Tale risultato è stato raggiunto grazie alla costante sinergia posta in essere tra la Questura di Rimini e il Comando Provinciale dell’Arma dei carabinieri e in particolare la Compagnia di Riccione che costantemente ha fornito elementi utili che successivamente passati al vaglio del Questore hanno permesso di finalizzare l’attività.

Il locale, il Mojito, potrà rimanere aperto fino alle 19.00 in modo da poter garantire il servizio di bar e ristorante a disposizione dei clienti dello stabilimento balneare.

È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Riccione.
Per Whatsapp aggiungere il numero 376.0317896 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cliccare su https://t.me/viverericcione.
E' attivo anche il canale Facebookhttps://www.facebook.com/viverericcione.it/





Questo è un articolo pubblicato il 31-07-2022 alle 08:23 sul giornale del 01 agosto 2022 - 122 letture

In questo articolo si parla di cronaca, emilia romagna, notizie, Sara Santini, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/diHx





logoEV