Riccione chiede una riunione dell'unità di crisi in Prefettura sui protocolli da adottare per la Settimana Rosa

2' di lettura 28/07/2020 - "E' necessario convocare una riunione in Prefettura del tavolo tecnico di un'unità di crisi sull'emergenza Covid - 19 che prenda in esame la possibilità di spostare al 2021 come fatto per tutti gli altri eventi la Settimana Rosa. In subordine chiediamo di adottare uno stringente protocollo sanitario e di ordine pubblico a cui i territori possano adeguarsi in previsione dell'imminente Settimana Rosa.

E chiedo al presidente della provincia Riziero Santi di farsi tramite presso il prefetto di Rimini di questa richiesta della città di Riccione". Lo scrive in una lettera aperta il sindaco, Renata Tosi indirizzata al presidente Santi e per conoscenza al presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini e al direttore dell'Ausl Romagna, Tiziano Carradori.

"Visto la coincidenza temporale che vuole l'avvicendamento al vertice della nostra prefettura e l'imminenza della Settimana Rosa - precisa il sindaco Tosi - chiedo al presidente della provincia di farsi carico di tale doverosa richiesta. Al momento non mi risulta alcun protocollo che unisca le misure sanitarie a quelle di pubblica sicurezza. Un protocollo pensato appositamente per la Settimana Rosa. E' superfluo in questa sede ribadire a quale responsabilità sono chiamati gli amministratori pubblici. Responsabilità a cui, tutti noi sindaci romagnoli non ci siamo mai sottratti nell'anno della estenuante lotta per contenere un'emergenza sanitaria, che stando alle disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e del ministro della Salute, sono tuttora in vigore. Semmai al 31 luglio l'emergenza dovesse essere dichiarata finita, evenienza che tutti attendiamo con ansia, forse - e sottolineo forse - in quel caso la nostra responsabilità sarebbe ridimensionata ad un'estate normale. Questa non è un'estate come le altre e credo proprio che la Settimana Rosa dovrebbe come tutti gli altri eventi spostata al 2021. Ma se non la si vuole spostare almeno pensiamo a come limitare i danni, a proteggere le nostre comunità. E' una posizione impopolare? Non è vero, sono i cittadini a chiederlo, sono le categorie più esposte a pretendere risposte".

"Voglio fugare ogni dubbio, nessuno ha mai chiesto agli imprenditori di chiudere alcunché. Vi pare possibile chiudere quando abbiamo finalmente e con fatica raggiunto il numero di presenze turistiche di una normale estate?

No quello che abbiamo condiviso sono le possibili ed eventuali misure di protezione che possiamo adottare per assicurarci appunto che la stagione continui bene. E' sulle modalità di protezione che ancora una volta ho voluto risvegliare le coscienze e chiedere il confronto. Assicurando comunque che l'amministrazione di Riccione è pronta a dare risposte ai cittadini e agli operatori".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-07-2020 alle 00:50 sul giornale del 28 luglio 2020 - 126 letture

In questo articolo si parla di attualità, riccione, Comune di Riccione, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/brMn