La Giunta di Riccione mette a dieta la burocrazia

burocrazia 2' di lettura 21/05/2020 - Il Comune di Riccione ha messo a dieta la burocrazia. Si chiama "pratiche snelle" ed è l'indirizzo politico che la Giunta guidata dal sindaco di Riccione, Renata Tosi, ha approvato perché "la situazione di eccezionale gravità richiede atti eccezionali - si legge nella delibera - quindi anche da parte della pubblica amministrazione, in modo tale che sia i cittadini che gli operatori economici siano sollevati il più possibile da adempimenti e oneri vari, in sinergia con quanto già disposto a livello nazionale.

Al fine quindi di accelerare e favorire la ripresa di tutte le attività produttive ed economiche sospese per contrastare la diffusione del virus Covid-19 e contribuire al graduale superamento della crisi connessa all'emergenza epidemiologica, è necessaria una pubblica amministrazione locale in grado di rispondere tempestivamente ed efficacemente a tutte le richieste che verranno avanzate da cittadini, imprese e professionisti.

Tutto questo si è tradotto in un indirizzo politico dato ai dirigenti comunali affinché adottino piani di riorganizzazione dei servizi che contengono misure di implementazione e potenziamento con un approccio cosiddetto "snello". Sono gli uffici preposti al servizio con operatori economici e professionisti, i primi a dover avviare lo snellimento delle procedure burocratiche, sempre in conformità con le risorse umane, strumentali ed economiche nelle disponibilità. La riorganizzazione dei processi amministrativi - dice la Giunta di Riccione - deve servire a superare quelle prassi, che rischiano solo di aggravare i procedimenti senza creare alcun valore aggiunto ai soggetti interessati.

Il Comune Di Riccione nonostante il lockdown imposto per frenare l'epidemia non ha mai derogato alle principali richieste degli utenti: nel periodo di chiusura delle attività comunque sono state rilasciati sei permessi a costruire, dopo la verifica in Commissione per la Qualità Architettonica e il Paesaggio, 10 deroghe al Regolamento comunale sui cantieri rumorosi che permetterà di lavorare anche nei mesi di giugno, 10 le richieste di costruire presentate all'ufficio urbanistico, 4 quelle rilasciate, oltre a 80 SCIA e 33 CILA relativi a lavori edili, indice questo che sia gli uffici che la città ha continuato a lavorare, investendo sul futuro. In particolare si tratta della ristrutturazione di un ex hotel che si trasformerà in appartamenti, l'ampliamento di un albergo, e rigenerazioni edilizie private.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 21-05-2020 alle 23:13 sul giornale del 22 maggio 2020 - 125 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/bmbw