Morciano di Romagna: associazione “Butterfly” ed Arma dei Carabinieri uniti contro il Bullismo

30/11/2015 - Interessante iniziativa formativo-educativo nel fine settimana a Morciano di Romagna. Nella mattinata di sabato, infatti, l’associazione antiviolenza ed antistalking “Butterfly” – presieduta da Clarissa Matrella – ha aperto i lavori del progetto “Open”, iniziativa educativo-formativa finalizzata ad arginare l’annoso fenomeno del Bullismo attraverso lo svolgimento nelle scuole della provincia di Rimini di una campagna informativa e preventiva.

Al momento di formazione e riflessione – tenutosi nell’occasione presso l’I.S.I.S.S. “Gobetti – De Gasperi” di Morciano di Romagna – oltre a personale altamente qualificato dell’associazione “Butterfly” (hanno relazionato oltre alla Presidente Matrella anche l’Avv. Giovanna Gaudenzi – referente del progetto – e la criminologa Michela Quarantini, che ha analizzato il fenomeno dal punto di vista socio-criminolgico) ha preso parte, quale relatore, il Capitano Marco Califano, Comandante della Compagnia Carabinieri di Riccione.

L’Ufficiale, che ha  incentrato il proprio intervento in particolare sulle derive che il fenomeno sta assumendo a carattere crescente in relazione all’utilizzo del Web (si parla nello specifico di c.d. “Cyberbullismo”), ha invitato i ragazzi ad un utilizzo maggiormente consapevole della Rete, troppo spesso teatro di insidie e disavventure.

In sintesi, piena sintonia da parte di tutti i relatori – e tra società civile ed Istituzioni – sulla necessità di porre al centro del progetto in maniera “attiva e flessibile” i ragazzi, unica grande risorsa per contrastare qualsiasi forma di violenza e fenomeno criminoso.


da Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Fermo






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-11-2015 alle 16:10 sul giornale del 01 dicembre 2015 - 1180 letture

In questo articolo si parla di attualità, carabinieri, Compagnia dei Carabinieri

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è http://vivere.biz/aq6B