Nidi e scuole dell’infanzia, rette meno care per i non residenti

Infanzia 25/11/2015 - Alle famiglie con figli iscritti ai nidi e alle scuole dell’infanzia comunali che cambino residenza ad anno scolastico già avviato verrà mantenuta la tariffa stabilita per i residenti in base ai criteri Isee e alla suddivisione di fasce agevolate fino al 30 giugno dell’anno in corso.

Non verrà dunque applicata la tariffa fissa attualmente in vigore e più elevata, rivolta a chi non risiede nel Comune di Riccione.

Una misura approvata oggi dalla Giunta Comunale “ voluta per andare incontro a quelle famiglie – ha dichiarato l’assessore alle Politiche Educative Laura Galli – che decidano di trasferirsi durante l’anno scolastico dal Comune di Riccione ad un’altra città con l’immediato e anche gravoso aumento della retta per i propri bambini.  Un aggravio che potrebbe causare delle difficoltà nel budget familiare e che questa Amministrazione intende alleviare con la salvaguardia della retta meno onerosa fino alla conclusione dell’anno scolastico”.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-11-2015 alle 19:34 sul giornale del 26 novembre 2015 - 562 letture

In questo articolo si parla di economia, riccione, Comune di Riccione

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aqT7